Lily Bag D&G 2008: non sono riuscita a resistere!

Davvero… non sono riuscita a resistere…

Lily Bag D&G - Fall Winter 2008

l’ho vista a Ischia in vetrina e sono rimasta a guardarla almeno 5 minuti, poi l’ho ritrovata tra le mani di Amy Whinehouse e… non sono riuscita a resistere… sono andata a chiedere il prezzo!

Che credevate che andavo a comprarla??? :-O

Ma ragazzi costa mille e qualcosavicino euro, e secondo me li vale tutti, ma per me sono tanti tanti.

E’ proprio bella! Mi lascia perplessa l’atteggiamento della commessa, gentilissima, che ti comunica il presso come se ti stesse dicendo che costa 50,00 euro…, con tanta disinvoltura come se lei ne avesse 10 a casa, alla fine costa quanto uno stipendio medio dei famosi milleuristi italiani, e non credo che le commesse di D&G appartengano a una categoria privilegiata (o forse sì?).

Però forse per chi entra in questi negozi “mille e qualcosavicino euro” può risultare addirittura poco e non la comprano perchè troppo economica?

Comunque se vinco al superenalotto o al gratta e vinci me la vado a comprare!!! Mi piaaaaceeee…..

Cose che dimentico

Autori F. De Andrè / C. Facchini / C. De Andrè

C’é un amore nella sabbia
un amore che vorrei
un amore che non cerco
perchè poi lo perderei

C’è un amore alla finestra
tra le stelle e il marciapiede
non é in cerca di promesse
e ti da quello che chiede

Cose che dimentico
cose che dimentico
sono cose che dimentico

C’è un amore che si incendia
quando appena lo conosci
un’identica fortuna
da gridare a due voci

C’è un termometro del cuore
che non rispettiamo mai
un avviso di dolore
un sentiero in mezzo ai guai

Cose che dimentico
sono cose che dimentico

Qui nel reparto intoccabili
dove la vita ci sembra enorme
perché non cerca più e non chiede
perché non crede più e non dorme

Qui nel girone invisibili
per un capriccio del cielo
viviamo come destini
e tutti ne sentiamo il gelo
il gelo
e tutti ne sentiamo il gelo

C’è un amore che ci stringe
e quando stringe ci fa male
un amore avanti e indietro
da una bolgia di ospedale

Un amore che mi ha chiesto
un dolore uguale al mio
a un amore così intero
non vorrei mai dire addio

Cose che dimentico
sono cose che dimentico

Qui nel reparto intoccabili
dove la vita ci sembra enorme
perché non cerca più e non chiede
perché non crede più e non dorme
non dorme

Qui nel girone invisibili
per un capriccio dei cielo
viviamo come destini
e tutti ne sentiamo il gelo, il gelo

Viviamo come destini
e tutti ne sentiamo il gelo, il gelo

Sono cose che dimentico
sono cose che dimentico
cose che dimentico
sono cose che dimentico

Ed.: Getar / Jubal / Blue Team Music
Batteria : Elio Rivagli Basso: Paolo Costa Chitarre acustiche ed elettriche : Phil Palmer Tastiere, Programmazioni: Massimo Longhi
Cristiano De André